Vai al contenuto

L’Accademia Olimpica Nazionale Italiana (AONI) è stata fondata nel 1997 sotto l’egida del CONI e dell’Accademia Olimpica Internazionale (I.O.A.).
Sono membri dell’AONI ex atleti, tecnici, dirigenti e studiosi cooptati dall’Accademia per meriti acquisiti nel campo dello sport, della cultura, degli studi e delle ricerche e per l’impegno in ambito sportivo e sociale a sostegno dei principi originari dell’Olimpismo. Le Accademie Olimpiche di ogni paese, insieme e in sintonia con i rispettivi Comitati Nazionali Olimpici, caratterizzano il proprio impegno culturale per diffondere tra le giovani generazioni occasioni di riflessione, di confronto si ricerca e di diffusione dei valori originari dell’olimpismo, nella loro storia e nella attualità.
Si ispirano a questi obiettivi gli incontri (Sessioni) che l’Accademia Olimpica Italiana promuove e organizza annualmente con la partecipazione degli studenti e dei docenti dei Corsi di laurea in Scienze Motorie e in Scienze della formazione.
Secondo le proprie finalità l’AONI collabora ad iniziative promosse da altri organismi e da altre istituzioni che si ispirano alle medesima finalità culturali e sociali.

Il progetto per lo sviluppo di una  metodologia di Standardizzazione delle Attività Psicofisiche per gli Over 65 ,in seguito SAPOV65, accolto e finanziato, a novembre 2020 da Sport e Salute spa , su una richiesta congiunta tra l’ Accademia Olimpica Nazionale Italiana e L’Associazione Nazionale Stelle al Merito Sportivo, si propone di ideare e sviluppare un sistema di indagine utile alla definizione e fornitura  di indicazioni personalizzate di attività psicofisiche per il ripristino, il mantenimento e il miglioramento degli aspetti fisiologici ,e non solo, che con l’avanzare dell’età tendono a perdere la loro funzionalità. Il progetto, che si basa sul concetto del paradigma narrativistico, prende in considerazione l’analisi dei parametri utili ad una valutazione della situazione personale. La scelta dei parametri, ricercati ed analizzati, deriva dal concetto di salute circolare, un temine relativamente recente ma che era già conosciuto ed applicato nell’antichità. Nel progetto la AONI si occupa dello sviluppo mentre l’ANSEMS, attraverso la sua diffusa rete periferica ne curerà l’applicazione iniziale sul campo.